OSPEDALE, SCOCCIA E MARIANI: FONDI SCIPPATI PER UNA SVELTINA DELLA LEGA

Quaranta milioni di euro sottratti dalla maggioranza della Regione Abruzzo all’ospedale di Sulmona e ad altri nosocomi abruzzesi per una sveltina sul Defr (Documento di Economia e Finanza Regionale). A lanciare l’accusa sono i consiglieri regionali di opposizione Marianna Scoccia e Sandro Mariani. “Solo oggi – affermano – scopriamo che, con un subemendamento a firma D’Incecco, capogruppo pescarese della Lega, è stato riscritto integralmente l’originale Defr 2021/23 con brevissime, ma pesanti modifiche. E’ stato aggiunto un paragrafo di poche righe dal titolo Edilizia Sanitaria ex art. 20 legge 67/1988”. Secondo Sandro Mariani e Marianna Scoccia grazie a questa variazione si dà mandato di far tramontare, definitivamente, l’ipotesi del project financing sull’ospedale di Chieti e di trovare le risorse necessarie all’interno della programmazione dei fondi per l’edilizia sanitaria. “La beffa maggiore – proseguono – è che si specifica, in particolare, che questo indirizzo troverà concretezza con gli interventi strutturali, anche di demolizione e ricostruzione, sulle palazzine C e F. Tradotto in parole semplici saranno letteralmente scippati 40 milioni di euro dal fondo edilizia sanitaria a discapito, verosimilmente, degli ospedali minori inseriti nella programmazione del 2018, ovvero Sulmona, Avezzano, Lanciano, Penne, Vasto e Giulianova. Siamo dinanzi ad una vergogna consumata con una sveltina politica che ha trovato la connivenza silenziosa di tutti gli altri consiglieri di maggioranza che consumano le corsie ospedaliere per passerelle continue ma poi non alzano un dito in difesa degli ospedali territoriali: leoni senza voce nell’arena del Consiglio Regionale”.

135 letture

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com