CONCORSO PER DIRIGENTE, IL TAR BOCCIA IL RICORSO

Il Tar Abruzzo ha bocciato il ricorso presentato dall’ingegnere Fabrizio Petrilli sul concorso per dirigente del IV settore del Comune di Sulmona. Il professionista aveva presentato il ricorso riguardo alla regolare composizione della commissione. “L’ingegnere D’Aurelio è stato nominato componente la commissione esaminatrice del concorso per il reclutamento di un dirigente tecnico per il 4° settore Ambiente e Infrastrutture non ai sensi dell’art. 23, comma 4 del Regolamento, quale dirigente ad interim di tale settore, bensì ai sensi dell’art. 23, comma 3, n. 2 del medesimo Regolamento, in qualità di esperto delle materie di concorso”. Questo quanto affermato dai giudici amministrativi respingendo il ricorso dell’ingegnere escluso dalla prova orale, dopo aver sostenuto con un punteggio di 39 punti le prove scritte. Secondo il ricorrente, assistito dall’avvocato Tommaso Marchese, il dirigente non poteva essere membro della commissione giudicatrice. La sua nomina non sarebbe stata conforme alla legge, vista la  proroga di incarico che  non verrebbe prevista dalla vigente normativa. Per il Tar “il ricorso deve essere rigettato, essendo irrilevante, ai fini della legittimità del provvedimento di nomina della commissione esaminatrice, la questione inerente alla legittimità del decreto sindacale”, cioè la nomina di D’Aurelio. Nella prova orale sono stati ammessi sono due dei sedici candidati, Paolo Di Guglielmo e Franco Raulli.

136 letture

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com