LEGA: DI SIMONE-DI GIANDOMENICO, DUE FRONTI PER IL COORDINAMENTO CITTADINO

Sono attualmente congelate in Abruzzo le nomine dei coordinatori cittadini della Lega. Nel partito del Carroccio è in atto la riorganizzazione dopo l’azzeramento delle cariche avvenuta il 6 marzo scorso quando il coordinatore regionale Luigi D’Eramo ha ufficializzato i nuovi incarichi dirigenziali a livello regionale e provinciale. C’è ovunque una situazione di stallo ma la problematica più complessa appare quella di Sulmona dove a ricoprire posti di primo piano ci sono solo il consigliere regionale Antonietta La Porta ed il capogruppo in consiglio comunale Roberta Salvati, nominata nell’esecutivo regionale. A contendersi il ruolo di coordinatore cittadino ci sarebbero due fronti: Nicola Di Simone, marito del consigliere regionale La Porta, ed Alberto Di Giandomenico. Di Simone vorrebbe tornare a ricoprire il ruolo che aveva prima ma il suo nome non è ben visto dalla Salvati e da altri componenti del gruppo peligno dei salviniani, a differenza di Di Giandomenico che godrebbe della fiducia della maggior parte degli iscritti. Per risolvere il problema di Sulmona, lo scorso sabato Luigi D’Eramo si è recato nel capoluogo peligno per incontrare Nicola Di Simone ed Antonietta La Porta che si sono aggiornati per un altro incontro in programma nel prossimo fine settimana. Serpeggiano malumori all’interno del partito anche alla luce delle indiscrezioni su avvicendamenti, tra la giunta regionale e la presidenza del consiglio, che potrebbero far perdere lo scranno da consigliere ad Antonietta La Porta se Emanuele Imprudente dovesse lasciare l’assessorato per andare a ricoprire il ruolo di presidente al posto di Lorenzo Sospiri che avrebbe manifestato la volontà di lasciare Forza Italia per aderire a Fratelli d’Italia. Luigi D’Eramo risponde dicendo che si tratta di “alchimie politiche che non riguardano e non interessano la Lega” ma le alchimie, che al momento sembrano inesistenti, potrebbero diventare realtà dopo le elezioni amministrative della città di Sulmona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *