PROGETTO RILANCIO CENTRO STORICO, COINVOLTI I PORTATORI D’INTERESSE ECONOMICI

Uno studio per la valorizzazione del centro storico di Sulmona che tende a migliorarne prioritariamente l’ambiente fisico attraverso azioni che incidano su qualità urbana, servizi, mobilità e informazioni. Nell’aula consiliare di Palazzo San Francesco si è svolto l’incontro con i portatori d’interesse economici, voluto dal sindaco Annamaria Casini insieme all’assessore al centro storico Manuela Cozzi, per presentare l’analisi preliminare, al fine di costruire in modo condiviso una base conoscitiva ed acquisire ulteriori elementi e informazioni finalizzati al completamento in vista della fase di elaborazione. Ad illustrare lo studio per la valorizzazione e riqualificazione della città storica sono stati l’architetto Luigi La Civita, tecnico incaricato per la realizzazione del progetto, e il professor Raffaele Giannantonio dell’Università di Chieti-Pescara. “Per programmare gli interventi – ha affermato il sindaco – occorre conoscere le caratteristiche della città storica attraverso un’analisi approfondita di aspetti socio-economici e infrastrutturali della stessa. Abbiamo voluto presentare alle associazioni di categoria, ai portatori di interesse, albergatori e commercianti l’impostazione progettuale per la valorizzazione del centro storico e l’analisi di contesto, scattando una fotografia specifica e reale da cui è partito lo studio, approfondito e dettagliato, su cui si sta lavorando. Vogliamo favorire la costruzione di strategie mirate e azioni concrete che confluiranno in una ventina schede descrittive con il relativo valore economico. E’ un lavoro che è cominciato due anni fa e che mette anche a sistema tutti gli interventi fatti ed in corso di attuazione come l’area camper, la riqualificazione del piazzale della stazione ferroviaria, Spazio Ovidio, la villa comunale, gli arredi urbani ed altre aree. È importante oggi costruire un piano coordinato e integrato affinché sia possibile un governo delle tante azioni in modo chiaro e concreto. Nei prossimi giorni raccoglieremo suggerimenti e integrazioni emersi, utili a completare e migliorare questa ipotesi di lavoro che consentirà di poter consegnare alla città uno strumento di programmazione concertata e dinamica, quale linea guida per interventi infrastrutturali da sviluppare nel tempo in quanto va considerato un documento vivo e non finalizzato a sé stesso. Lo studio arricchito dei contributi verrà presentato anche ai consiglieri comunali, nella terza commissione consiliare”. Conclude il sindaco Casini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *