SPORCIZIA ALL’ANNUNZIATA, IL SINDACO RICHIAMA ALLA RESPONSABILITA’ AVVENTORI E COMMERCIANTI

“E dire che ieri si è celebrata la giornata della Sulmona Sostenibile e l’altro ieri abbiamo riacceso le nostre preziose ed attese antiche lanterne proprio sul plateatico della Santissima Annunziata, in una città che vuole promuovere cultura. Ma la cultura non è certo questo disastro. Vedere oggi le nostre preziose scalinate del complesso monumentale in questo stato, invase dai rifiuti del sabato sera a causa di comportamenti incivili stride dopo una giornata di educazione ambientale rivolta soprattutto ai più piccini, con tanti volontari e associazioni che avevano ripulito quegli stessi luoghi. Oltre che demoralizzare, indigna fortemente”. Il sindaco di Sulmona Annamaria Casini commenta così lo spettacolo indecoroso che si è presentato questa mattina dopo una serata di movida con lattine, bottiglie, bicchieri e cannucce gettati per terra lungo corso Ovidio e sulle scalinate dell’Annunziata. “Avrei confidato – prosegue – in un maggiore senso di responsabilità sia degli avventori (giovani e giovanissimi) che dei commercianti. Ma a pochi giorni dal rientro in zona bianca questo tipo di “liberi tutti” è assolutamente inaccettabile. Vivere il centro storico, riprendere le attività commerciali e la vita sociale è stato un obiettivo di tutti, dopo lunghi mesi di coprifuoco, ma se poi questa riapertura deve essere occasione di maleducazione, di inciviltà e vandalismo, in barba alle più elementari regole del viver civile questo non è possibile”. Il sindaco Casini preannuncia misure ad hoc “per contrastare questa inciviltà a tutela del decoro, della salvaguardia dei nostri monumenti e della civile convivenza”. L’area in questione è stata ripulita dal Cogesa che sottolinea il ripetersi di una situazione che va avanti ormai da due settimane. “Crediamo che non ci siano più scuse per tali comportamenti. Stessa cosa era accaduta ieri mattina”. Conclude il Cogesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *