MIASMI DALLA DISCARICA, DI PIERO: SCELTE SBAGLIATE ALL’ORIGINE, SERVE UNA NUOVA POLITICA DEL COGESA

Il candidato sindaco della coalizione di centrosinistra, Gianfranco Di Piero, torna sul problema dei rifiuti e del pessimo odore che si diffonde nella zona della frazione di Marane, proponendo una nuova politica di gestione dei rifiuti. “I miasmi emessi dalla discarica del Cogesa costituiscono un grave problema per la qualità della vita dei cittadini residenti nella frazione delle Marane e ormai anche per i cittadini della vicina Pacentro. E’ un problema che nasce da scelte sbagliate. Infatti la gestione Cogesa si è evidentemente caratterizzata per investimenti sbagliati,  che hanno trascurato la necessaria opera di manutenzione dell’impianto.  Ed il problema, che riguarda la qualità della vita, è frutto di un servizio che non funziona o funziona male. Non funziona l’impianto di selezione dei rifiuti, in fase di ristrutturazione” afferma Di Piero. “Non funziona la piattaforma per la selezione dei rifiuti, che è ferma da  tempo. Così che i nostri rifiuti vanno altrove, con aggravio dei costi per la Società. E’ evidente che siamo in presenza di una cattiva gestione della società, perché non sono stati fatti investimenti e se fatti sono stati indirizzati in una direzione sbagliata. La stessa Corte dei Conti ha segnalato che il numero dei dipendenti Cogesa supera abbondantemente quello di altri enti omologhi, sparsi in tutta Italia. E questo perché sono state fatte scelte che non tutelano gli interessi reali dei cittadini, al cui servizio la società si pone” sottolinea il candidato sindaco. “La stessa indennità di ristoro ambientale, percepita dalle casse comunali, non ha finora mai assicurato nemmeno un centesimo a beneficio della popolazione residente nella zona della frazione di Marane, che sopporta ogni giorno i disagi provocati da questa situazione. Nelle pieghe dei bilanci comunali quelle somme sono finite altrove, magari per tappare buchi nei conti. Attraverso invece questa indennità si sarebbero potuti mitigare i gravi disagi che affliggono la popolazione residente e si potrebbe prendere in considerazione la realizzazione di percorsi alternativi per evitare il continuo passaggio di mezzi, che trasportano rifiuti, lungo le vie principali della frazione” precisa Di Piero. “E’ il momento, quindi,  di invertire la rotta, per affrontare e risolvere in concreto i problemi lamentati dalla popolazione residente e da lungo tempo inascoltata, nonostante i problemi legati alla prossimità della discarica pongano seri interrogativi sulla tutela della salute della popolazione in ragione dell’incidenza di gravi patologie. L’inversione di rotta  dovrà essere caratterizzata da un diverso ruolo del Cogesa , che deve assumere la funzione strategica di rendere compatibili sostenibilità ambientale, economica e sociale. In ragione di ciò, si rende assolutamente necessaria una politica mirata alla prevenzione e riduzione dei rifiuti, alle buone pratiche ambientali (riuso)  e alla valorizzazione  dei materiali provenienti dalla raccolta differenziata (recupero e riciclo). Il problema è di dimensioni tali che tocca  la sensibilità dell’intera comunità cittadina e deve implicare  l’impegno di tutte le rappresentanze  politiche, con particolare riferimento a quelle che si candidano a governare le sorti della comunità” conclude il candidato sindaco.

Ecco la cronaca della manifestazione di ieri di cittadini e candidati sui miasmi della discarica.

E’ stato un coro di proteste, tutti d’accordo, residenti nella frazione di Marane e candidati sindaci: il Cogesa deve cambiare politica dei rifiuti. Questo è stato l’esito della manifestazione tenuta nel pomeriggio dai cittadini della frazione, proprio all’imbocco della strada che porta alla discarica. “Non abbiamo mai avuto risposte, né sopralluoghi, da Asl e da Arta, davanti alle nostre denunce e all’allarme che da tempo abbiamo lanciato sul pessimo odore che sopportiamo in queste zone e sul fatto che molti abitanti di questa parte della città sono colpiti da malattie gravi” ha detto Augusto Fidanza, del comitato civico Morrone, introducendo la manifestazione. Preoccupazioni ribadite da Maurizio Proietti, medico ambientalista, che ha ricordato come segnalazioni sui rischi per ambiente e salute dei cittadini sono state già fatte senza però ottenere giusta e concreta attenzione. Puntando l’indice accusatore sull’attuale gestione del Cogesa, il sindaco di Pacentro, Guido Angelilli, ha tenuto a precisare che il problema dei miasmi da discarica non riguarda solo i residenti delle Marane ma anche i cittadini del suo paese e ha ricordato le battaglie fatte per un cambio di direzione della gestione della società. Il candidato sindaco Elisabetta Bianchi invece ha ricordato che fin dal suo insediamento come consigliere comunale aveva informato il prefetto dell’epoca sul problema della discarica e dei miasmi, elencando le violazioni di legge che al riguardo Cogesa avrebbe commesso. Delusione per il fallimento della raccolta differenziata ha espresso invece il candidato sindaco Vittorio Masci, precisando che il progetto di raccolta differenziata partì proprio con l’amministrazione del sindaco Fabio Federico. Masci si è poi detto perplesso dell’acquisto da parte di Cogesa di una nuova sede, nella zona industriale, sostenendo che le risorse investite per quella operazione immobiliare potevano essere diversamente utilizzate. Il candidato sindaco Gianfranco Di Piero ha infine sottolineato come i problemi oggi lamentati sono frutto di scelte sbagliate, occorre perciò un cambio di rotta, nella gestione del Cogesa, attivando il ciclo virtuoso dei rifiuti ed innescare una nuova efficace politica dei rifiuti, capace di risolvere i problemi ora in atto. Infine Mario Pizzola, dei Comitati cittadini per l’ambiente, ha messo in guardia politici e cittadini dal rischio del css, che potrebbe portare alla collocazione di un inceneritore nella zona che sarebbe nocivo per la salute dei cittadini e per l’integrità dell’ambiente. Unico candidato sindaco assente Andrea Gerosolimo, impegnato nella manifestazione d’apertura della campagna elettorale, con la presentazione della sua candidatura e della coalizione che lo sostiene.

156 letture

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com