MARELLI, I SINDACATI ALL’AZIENDA: SALVAGUARDARE I POSTI DI LAVORO

Nell’incontro svoltosi ieri con le segreterie nazionali dei sindacati, la direzione della Magneti Marelli ha chiarito alcuni aspetti riguardanti il piano di razionalizzazione globale, che comporterà nel mondo 1.500 esuberi su un totale di circa 3.500 dipendenti degli headquarters. A renderlo noto le organizzazioni sindacali Fim, Fiom, Uilm, Fismic, UglM e AqcfR. “Le ragioni del piano, addotte dalla direzione aziendale, sono da una parte – si legge in una nota – l’esigenza di completare l’integrazione fra le realtà ex Magneti Marelli ed ex Kalsonic Kansei, dall’altra di semplificare la struttura degli enti centrali riducendone i costi a un livello paragonabile a quello dei competitors, anche in risposta degli ultimi gravi eventi di mercato causato dalla carenza di microchip e dal conseguente crollo della produzione di auto. Contestualmente le divisioni saranno portate da 9 a 6: Lighting & sensing technologies, Vehicle Electrification, Electronic systems, Interior experience, Green technology systems, Classic business. Il piano in ogni caso sarà implementato nel corso del 2022. Dal punto di vista sindacale non è accettabile l’atteggiamento unilaterale delle scelte aziendali ed abbiamo espresso la nostra totale contrarietà a dichiarazioni di esuberi e alla eventuale adozione di azioni traumatiche. La direzione aziendale, benché non sappia ancora quantificare quanti potenziali esuberi possano esistere nel perimetro dei circa 500 addetti italiani agli enti centrali, ha dichiarato di non voler procedere con licenziamenti collettivi, ma di essere disposta all’individuare azioni non traumatiche quali accordi individuali di uscita volontaria e incentivata o la riqualificazione professionale in funzioni rese disponibili dal naturale turnover. Come sindacato abbiamo ribadito la necessità non solo di proseguire il confronto sui temi della razionalizzazione degli headquarters, ma anche di allargare il ragionamento alle strategie industriali, con il coinvolgimento diretto delle strutture territoriali e dei rappresentanti di fabbrica”. Le organizzazioni sindacali chiedono di conoscere i piani di investimento per l’Italia, di fugare le pericolose voci di dismissione e di incominciare a immaginare le azioni di riconversione che il passaggio all’elettrificazione renderà necessarie negli stabilimenti legati alla propulsione endotermica “tanto più che la direzione aziendale non ha nascosto che alcuni business stanno attraversando una fase di difficoltà, che richiede o azioni capaci di restituire loro competitività o la ricerca di partnership o per l’appunto possibili cessioni. Per questi motivi avvieremo campagna di confronto con i lavoratori e dovremo prestare la massima attenzione alle decisioni di Marelli e costringerla a un confronto trasparente e serrato, in mancanza del quale dovremmo necessariamente assumere le necessarie iniziative di mobilitazione. Riteniamo infine opportuno l’interessamento del Governo, per garantire il futuro del gruppo centrale nella componentistica in Italia”. Concludono i sindacati.
179 letture

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com