L’OLYMPIA CEDAS CONSOLIDA IL RAPPORTO CON IL FISIOTERAPISTA CARROZZA (video)

Prevenire gli infortuni muscolari e lavorare sul recupero degli atleti. L’Asd Olympia Cedas, ritenendo fondamentali questi aspetti, ha inteso rinnovare la collaborazione con il fisioterapista e osteopata sulmonese Marco Carrozza, reduce dai recenti mondiali di pattinaggio artistico in Paraguay e dai mondiali di hockey inline di Roccaraso dove è stato al servizio delle nazionali italiane.

“Si tratta del sesto anno che abbiamo in essere questa collaborazione con l’Olympia Cedas e con il presidente Ivan Giammarco che è stato lungimirante nell’avere il connubio tra l’osteopatia e il calcio giovanile, come mezzo di prevenzione e di riduzione dei tempi di recupero dovuto ad eventuali infortuni”. Così Marco Carrozza che è stato presentato durante gli allenamenti delle squadre Under 15 e 17 allo stadio Pallozzi dal presidente della società di calcio giovanile sulmonese, Ivan Giammarco.

“Marco Carrozza – ha affermato Giammarco – è innanzitutto un amico. Sono già diversi anni che abbiamo la fortuna di avere con lui questa collaborazione importante. E’ fondamentale avvalersi di figure professionali per lavorare sia sulla prevenzione degli infortuni che sul recupero degli atleti e per noi è un’opportunità avere a Sulmona un professionista di valore come Marco Carrozza. Come Olympia Cedas, è un’offerta che garantiamo alle famiglie ed a tutti i ragazzi del settore giovanile e della scuola calcio”.

Marco Carrozza è parte integrante del progetto dell’Olympia Cedas ponendosi al servizio degli atleti che, una volta infortunati, possono correre il rischio concreto di una ricaduta. Ecco che diventa fondamentale il ruolo del fisioterapista che rappresenta un anello di congiunzione imprescindibile con l’atleta.

“L’impatto con i ragazzi è stato buono – ha commentato Carrozza – ed abbiamo spiegato su cosa verterà il mio lavoro. Ho voluto far capire quanto è importante l’attività di prevenzione in ambito sportivo, al fine di ridurre eventuali infortuni muscolo-scheletrici che caratterizzano principalmente i giovani atleti di tutti gli sport”.

320 letture

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *