GIOVANE SOPRANO STATUNITENSE VINCE IL CANIGLIA

E’ la giovane soprano statunitense Monica Conesa la vincitrice del primo premio del concorso internazionale di canto lirico Maria Caniglia di Sulmona. Il secondo premio è andato a Francesca Maionchi, soprano, mentre il terzo premio è stato assegnato a David Kerber, tenore austriaco. Conesa è cubana-americana, nata negli Stati Uniti nel 1996. Appena laureata alla Manhattan School of Music di New York ha debuttato a Vienna al Summer Music Festival nell’opera Bridesmaid di Scott Joiner, ha recentemente cantato nel ruolo di Santuzza nella Cavalleria Rusticana a Modena. Svolge un’intensa attività concertistica negli Stati Uniti ed in Italia. Ha vinto quest’anno il primo premio al concorso internazionale di canto Fausto Ricci di Viterbo. Si è esibita con l’accompagnamento del maestro Leonardo Angelini dalla Tosca di Puccini l’aria “Vissi d’arte”. Francesca Maionchi invece si è laureata con il massimo dei voti al conservatorio Frescobaldi di Ferrara, ha poi frequentato l’accademia Puccini di Torre del Lago e partecipato a molte masterclass. Debutta nel 2016 nella Cavalleria Rusticana nel ruolo di Lola in Toscana e poi nella Bohéme al Teatro del Giglio di Lucca. Ha tenuto molti concerti in Europa e nel 2020 è stata al fianco di Andrea Bocelli in recital tenuti nei teatri della Lettonia e Lituania ed in Arabia Saudita e quest’estate ha debuttato nel Festival Puccini di Torre del Lago nella prima nazionale dell’opera L’Altro Giacomo di Renato Raimo e ne La Traviata al Teatro Verdi di Pisa. Si è esibita ne “Le Nozze di Figaro” di Mozart. David Kerber, ha iniziato lo studio del canto classico all’età di 5 anni venendo ammesso al noto Wilten Boy’s Choir. Ha dedicato particolare studio alla musica barocca, per poi avvicinarsi al mondo dell’operetta con concerti tenuti a Vienna. Ha debuttato nel 2019 al Festival Bregenzer in Austria nell’opera Eugene Onegin. Nel 2021 ha ottenuto premi al concorso internazionale di canto Haydn. I premi ai vincitori sono stati consegnati dal sindaco di Sulmona Gianfranco Di Piero, dal presidente della Bcc di Pratola Peligna, Maria Assunta Rossi, e dal presidente della Fondazione Carispaq, Mimmo Taglieri. Il presidente della giuria Cecilia Gasdia, ha ribadito il livello altissimo dei cantanti in gara quest’anno, tutti giovanissimi tra i 23 ed i 25 anni. Per alcuni di loro già si sono create delle opportunità. ”Due dei cantanti finalisti – ha annunciato Cecilia Gasdia – hanno già pronto un contratto di scrittura per le produzioni dell’Arena di Verona nel 2022″. ”Lunga vita al Premio Caniglia nonostante tutte le difficoltà”. Ha augurato il direttore artistico Gaetano Di Bacco.

115 letture

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com