CARCERE, DAL CAPO DEL DAP APPELLO PER IL TRIBUNALE: IN ARRIVO 40 UNITA’ PER IL NUOVO PADIGLIONE

“Il tribunale è garanzia di una sopravvivenza dignitosa del carcere”. Lo ha dichiarato il capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria (Dap), Bernardo Petralia, che, in visita questa mattina al carcere di Sulmona, ha lanciato un appello per la salvaguardia del palazzo di giustizia che “rappresenta un binomio perfetto con l’istituto carcerario”. “Tutti gli attori territoriali e non, istituzionali e locali, devono battersi affinché il tribunale possa permanere”. Ha aggiunto Petralia che è stato accolto dal direttore del penitenziario Sergio Romice, dal comandante di reparto Sarah Brunetti e da un drappello di poliziotti penitenziari in uniforme da cerimonia. Riguardo al carcere, il capo del Dap ha dichiarato di aver constatato molti aspetti positivi “come confermato dalla voce e dalle stesse parole dei detenuti, alcuni dei quali hanno detto che qui si trovano molto meglio che in altri istituti”. “Le criticità ci sono e riguardano le strutture e il personale, a maggior ragione della prossima apertura del nuovo padiglione di duecento posti”. Ha precisato. “Abbiamo già iniziato i collaudi e su questo c’è la necessità improcrastinabile di iniziare l’invio di personale di polizia penitenziaria, e non solo, che possa servire in funzione di questo nuovo incremento dell’istituto di Sulmona destinato ad essere di rilevante portata”. Per l’apertura del nuovo padiglione i sindacalisti della Uil-Pa Mauro Nardella, Calogero Cusimano e Giovanni Leopardi hanno annunciato che “ci sarà un rinforzo di 40 unità del ruolo agenti ed assistenti e, cosa che non era certo scontata, anche la chiusura del vecchio reparto”. Bernardo Petralia ha, poi, fatto appello alle istituzioni territoriali, in particolare al Comune di Sulmona, per attivare progetti di lavoro nei quali impiegare i detenuti. “La criticità che più mi tocca – ha aggiunto – è la carenza d’impiego per i detenuti, l’aspetto trattamentale. Un aspetto che va incrementato e che deve fare i conti con l’amministrazione che io rappresento, con tutte le possibilità che l’amministrazione ed il ministero consentono ma anche il territorio deve farsi carico di un istituto di questa portata e offrire opportunità di lavoro più possibili”. Ad accompagnare il massimo responsabile delle carceri italiane c’erano anche il direttore generale del personale e delle risorse, Massimo Parisi, il provveditore interregionale dell’amministrazione penitenziaria Lazio, Abruzzo e Molise, Carmelo Cantone, e il garante dei detenuti, Gianmarco Cifaldi. “Dal capo del Dap parole importanti su carcere e tribunali”. Ad affermarlo la senatrice del Movimento 5 Stelle, Gabriella Di Girolamo, che giudica positivamente l’arrivo di 40 unità, con l’apertura del nuovo padiglione del penitenziario che si appresta a diventare uno dei più importanti in Europa, e le dichiarazioni di Petralia sulla salvaguardia del tribunale che “confermano e rafforzano la nostra richiesta di mantenere aperti i tribunali abruzzesi di Sulmona, Avezzano, Lanciano e Vasto. Nella proposta di legge Scutellà sul riordino della geografia giudiziaria, frutto del lavoro dell’intergruppo parlamentare di cui ho fatto parte, un requisito previsto per per la presenza di un tribunale in un territorio è anche la presenza di un carcere di massima sicurezza. Mi auguro che la visita a Sulmona del dott. Petralia possa essere l’inizio di un percorso di particolare attenzione che il Ministero della Giustizia deve avere per la difficile situazione complessiva che Sulmona e l’Abruzzo vivono sul versante del sistema giudiziario”. Conclude la senatrice Di Girolamo.

213 letture

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com