CHI CREDE AL SUICIDIO? IL GIALLO DEL GENERALE CONTI IN UN DRAMMA TEATRALE

S’intitola “Petrolio” il dramma teatrale dell’attore e regista lucano, Ulderico Pesce, che ripropone l’attenzione sul suicidio del generale dei carabinieri Guido Conti. Di petrolio si muore? E’ l’interrogativo che segna il dramma teatrale che mette a confronto il triste destino dei capi della protezione ambientale dell’Eni e della Total in Basilicata, dove insiste il giacimento petrolifero più grande dell’Europa continentale: Guido Conti, ritrovato cadavere nel novembre del 2017, aveva più volte comunicato alla Total problemi ambientali nel giacimento lucano di Corleto Perticara e Gianluca Griffa, trovato impiccato in un bosco in Piemonte, aveva più volte scritto all’Eni di gravi perdite di petrolio nei pressi della Diga del Pertusillo.

Guido Conti e Gianluca Griffa

I due si sarebbero suicidati ma “a distanza di anni l’Eni è indagata per disastro ambientale, proprio per i fatti denunciati da Griffa. Gli scienziati – scrive su un suo profilo social Ulderico Pesce – hanno certificato che nella Diga del Pertusillo effettivamente ci sono presenze di idrocarburi. E i lucani, campani e pugliesi che bevono quell’acqua nei rubinetti delle loro case? Non sanno nulla. Allora informiamoli noi. La stampa nazionale non ne parla. Allora divulghiamo ai nostri amici campani, pugliesi e lucani. E al resto dell’Italia comunichiamo che è tanto strano che i due capi della sicurezza ambientale di Basilicata si suicidino dopo aver scoperto e denunciato i danni creati dal petrolio sulla salute umana e sull’ambiente”. “Chi crede al suicidio? Aiutatemi a divulgare”. Nello spettacolo Petrolio, l’attore e regista parla di tutto questo e di come si muore di petrolio. Il dramma teatrale, prodotto dal Centro Mediterraneo delle Arti, è stato presentato in prima nazionale al Teatro Argentina di Roma, nel settembre scorso, all’interno del progetto “Ritratto di una Nazione”, ideato da Antonio Calbi, voluto dal Ministero della Cultura, per la regia di Fabrizio Arcuri. Nove regioni d’Italia raccontano “il lavoro” e ciò che oggi le contraddistingue. Gli interpreti coinvolti nel progetto, tra i migliori attori del teatro italiano, sono Michele Placido, Giuseppe Battiston, Maddalena Crippa, Marco Martinelli, Ulderico Pesce e altri. Petrolio narra innanzitutto la bellezza mozzafiato della Basilicata, fatta di boschi millenari, mare, calanchi, paesini bellissimi arroccati a strapiombo su fiumi o distese di grano, ma narra anche del giacimento più grande dell’Europa continentale collocato in Basilicata tra Viggiano e Corleto Perticara. Ulderico Pesce narra il petrolio lucano partendo da un personaggio, Giovanni, che lavora come addetto alla sicurezza dei serbatoi esterni del Centro Olio di Viggiano, e vive con la moglie e la figlia Maria in località Le vigne, di fronte alla fiamma dell’impianto Eni che da decenni brucia pericolosissimo H2S nell’aria. Giovanni scopre che uno dei grandi serbatoi esterni ha una grossa buca dalla quale fuoriesce petrolio che si disperde sotto terra. Ha paura di parlare, di perdere il lavoro. Dopo mesi vede che il petrolio, camminando sotto terra, è arrivato alle porte della Diga del Pertusillo, un bacino artificiale che raccoglie acqua da utilizzare a scopi idrici in Puglia e nella stessa Basilicata nel Metapontino. Giovanni fotografa una enorme chiazza di petrolio nella diga ma continua a non dire nulla per paura di perdere il lavoro e delle reazioni dei suoi compagni di lavoro. Prevarranno su Giovanni le logiche della conservazione del lavoro o quelle di conservazione della salute?

528 letture

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com