Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Assegno Unico per sempre: può venire meno la soglia dei 21 anni e cambia tutto per le famiglie

Aumento del 50% per l’assegno unico 2024 dal secondo e terzo figlio, nonché abolizione del limite di età: tutte le proposte del Governo.

Il sostegno alla natalità e alla famiglia numerosa è uno degli obiettivi che anche quest’anno il Governo sta tenendo in considerazione; si stanno valutando misure ad hoc per i nuclei familiari numerosi, per coloro che hanno redditi bassi, ma anche per i giovani sopra il 21esimo anno di età che convivono ancora con i propri genitori che sostengono, per esempio, le spese universitarie. Si tratta dunque di un pacchetto di norme per la famiglia, ma soprattutto in supporto alla natalità.

Assegno unico 2024
Assegno unico 2024: le proposte di legge – sulmonaoggi.it

Ad oggi si tratta solamente di una la bozza della legge di Bilancio 2024, visto che questo pacchetto famiglia dovrà ancora seguire un iter parlamentare, cosa che potrebbe apportare alcune modifiche. Ricordiamo che l’Assegno Unico Universale è una misura inserita dal Governo per andare a incorporare varie misure genitoriali (bonus bebè, detrazioni fiscali fino ai 21 anni, assegni familiari, ecc.), con lo scopo di avere un unico assegno per famiglia. Ricorderemo la Legge di Bilancio 2023, il quale ha già visto un aumento del 50% per coloro con 4 o più figli; nuclei con almeno tre figli di età compresa tra 1 e 3 anni (con ISEE pari o inferiore a 43mila euro); e per i figli di età inferiore ad un anno; infine, la maggiorazione dell’assegno tra i 15 e gli 85 euro già dal terzo figlio.

Assegno Unico e Universale in aumento e taglio della soglia di età

La prima novità riguarda una possibile espansione dei beneficiari dell’aumento al 50% per l’Assegno Unico. Questa è indubbiamente una delle misure più consistenti per le famiglie, che andrà a sostenere in particolar modo quelle con i redditi più bassi. Si tratta, infatti, di un aumento in proporzione all’ISEE, che vede un sostegno maggiore a seconda della soglia. Tale somma, inoltre, vedrà un importo oscillante che andrà ad aumentare e diminuire in base all’inflazione.

Assegno unico
Assegno unico 2024 – sulmonaoggi.it

L’obiettivo è dunque rafforzare un assegno unico già potenziato nella Legge di Bilancio 2023, nonché ridurre la tassazione sui nuclei familiari. La prima maggiorazione esposta è riservata a partire dal terzo e quarto figlio, che potrebbe riguardare già il secondo e terzo figlio con un aumento del 50%, per quelli di età compresa da 1 a 3 anni e/o una maggiorazione mensile di 150 euro con nuclei con almeno tre figli; nonché, dal primo giorno del nuovo anno potrebbe essere abolita la soglia anagrafica dei 21 anni per i figli che studiano, svolgono un tirocinio (con ISEE familiare inferiore agli 8mila), sono registrati come soggetti disoccupati e in cerca di lavoro, svolgono servizio civile

Impostazioni privacy