Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Tanti morti in casa ogni anno a causa di questi 10 pericoli che tutti ignorano

Ogni anno ci sono tanti morti in casa per incidenti domestici. Ecco come mettere in sicurezza la propria abitazione da 10 comuni pericoli.

La casa dovrebbe essere un luogo sicuro, pieno di amore e affetto, ma spesso può rivelarsi uno dei posti più pericolosi al mondo. Sì, perché ogni anno sono tantissime le persone che muoiono in casa a causa dei cosiddetti incidenti domestici.

morti pericoli in casa
Tanti morti in casa per questi pericoli – sulmonaoggi.it

È sconcertante scoprirlo ma nelle proprie abitazioni si possono celare dei pericoli che spesso vengono totalmente ignorati. Così accade che, spesso, per disattenzione o poca consapevolezza, adulti o bambini possano farsi male o addirittura morire. Ecco quali sono i 10 pericoli più comuni in casa e come mettere in sicurezza la propria dimora.

I 10 pericoli più comuni in casa e come metterli in sicurezza

Anche se può sembrare contro intuitivo, è proprio in casa, quel luogo da tutti reputato come il più sicuro al mondo, che possono celarsi dei pericoli, addirittura letali, per grandi e piccini.

10 pericoli in casa
I 10 pericoli più comuni in casa e come metterli in sicurezza – sulmonaoggi.it

Ci sono almeno 10 pericoli nelle proprie abitazioni che possono facilmente essere eliminati con il buon senso in modo da prevenire dei rischiosi incidenti domestici. Ecco quali sono:

  1. Corde delle tende: anche se possono sembrare innocue, possono essere molto rischiose per i bambini che, attorcigliandosi intorno, possono strangolarsi. Se in casa si notano delle corde troppo lunghe, che facilmente possono essere alla portata dei bambini, è importante metterle in sicurezza o posizionarle più in alto dove questi non possano raggiungerle (nemmeno se salgono su un mobile).
  2. Superfici scivolose: queste possono crearsi soprattutto in bagno o in doccia, ad esempio a causa di un accumulo di sapone. Per evitare delle cadute è consigliabile dotarsi di superfici e tappetini antiscivolo.
  3. Gradini: è importante che siano ben illuminati e che, quando ci si cammina sopra, si indossino delle scarpe affidabili. 
  4. Scale: ad esempio quelle per andare in altri piani della casa. È importante metterle in sicurezza con dei cancelli, per evitare che i bambini piccoli possano rotolarci giù.
  5. Prodotti per la pulizia: questi andrebbero riposti lontano dalla vista e dalla portata dei bambini perché potrebbero ingerirli e avvelenarsi. Lo stesso vale per i medicinali. Andrebbe tutto conservato in scaffali con chiave in modo che nessun bambino ci possa avere accesso.
  6. Interruttori elettrici: per prevenire incendi o elettrocuzioni è bene far installare un interruttore generale di sicurezza che spegne l’alimentazione in caso di guasto di un apparecchio.
  7. Finestre e porte di vetro: quando sono ben pulite, si potrebbe pensare che siano aperte e dunque essere pericolose se il vetro non è infrangibile. Il problema si risolve montando un segno distintivo su di esse, così che siano ben visibili. Inoltre è bene non posizionare letti o mobili vicino alle finestre così che i bambini piccoli non possano arrampicarsi e raggiungerle facilmente.
  8. Oggetti taglienti e appuntiti: vanno posizionati lontani dalla portata dei bambini e, quando si usano, farlo con molta accortezza e posizionandoli nella maniera corretta.
  9. Calore: spesso è sufficiente l’acqua calda del rubinetto a provocare delle scottature, per questo si può chiamare un idraulico e far impostare la temperatura dell’acqua di modo che non sia mai troppo bollente.
  10. Piscine: laddove la propria abitazione ne avesse una, è sempre buona norma posizionare delle barriere di sicurezza per evitare che qualcuno, soprattutto bambini, ci finisca dentro accidentalmente. È importante poi tenere sempre a vista eventuali bambini quando si trovano nelle vicinanze della piscina. 

Mettendo in sicurezza questi 10 pericoli della propria abitazione, si potrà vivere più serenamente ed evitare spiacevoli incidenti domestici.

Impostazioni privacy