Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Anticipare le catastrofi dei mercati azionari con questo potente indicatore

In questo articolo discutiamo di un indicatore molto potente che permette di identificare con elevata probabilità i crash dei mercati, stiamo parlando dell’Hindenburg Omen.

Cos’è l’Hindenburg Omen?

L’Hindenburg Omen è un indicatore tecnico progettato per prevedere i crash dei mercati azionari. Prende il nome dal disastro aereo del 1937 del dirigibile tedesco Hindenburg. Questo indicatore si basa su una serie di condizioni che valutano la “salute” del mercato azionario, in particolare del NYSE, e quando queste condizioni si verificano contemporaneamente, aumenta la probabilità di un crollo del mercato. È interessante notare che l’Hindenburg Omen si è verificato prima di ogni crash del mercato azionario negli ultimi 30 anni.

La costruzione di questo indicatore prevede diverse condizioni. La prima è che il numero di nuovi massimi e nuovi minimi delle ultime 52 settimane deve superare il 2.2% di tutte le azioni quotate al NYSE in un giorno. La seconda è che la media a 10 settimane del NYSE deve essere in salita; la terza richiede che l’oscillatore McClellan sia essere negativo. Infine, quarta condizione, si inoltre che il rapporto tra nuovi massimi e nuovi minimi non sia troppo sbilanciato. Tuttavia, per confermare l’Hindenburg Omen, deve verificarsi almeno un altro segnale entro 36 giorni. In sintesi, un segnale non confermato si verifica quando si verificano solo le prime quattro condizioni, mentre un segnale confermato richiede anche il soddisfacimento della quinta condizione entro un certo periodo di tempo.

Quali sono state le conseguenze di un segnale confermato?

Tutti i principali ribassi degli ultimi 36 anni sono stati anticipati e identificati attraverso questo segnale, noto per le sue cinque condizioni distintive. È stato attivo prima del crollo del mercato azionario nel febbraio/marzo 2020, così come durante il crollo del 2018. Era presente poco prima del crollo dell’agosto 2015 e anche delle turbolenze del mercato nell’autunno 2008. È emerso prima del crollo del mercato azionario nel 1987 e anche durante il mini-panico nell’ottobre 1989. Ha dato segnali all’inizio della recessione nel 1990 e ha avvertito dei problemi prima delle crisi LTCM e asiatica del 1998. Nel 2000, ha segnalato che il mondo non stava andando bene e ha previsto un rapido declino all’inizio dell’anno. Ha anticipato gli eventi dell’11 settembre 2001 di tre mesi e ha previsto una vendita di panico fino al minimo nell’ottobre 2002. Nel 2007, ha avvertito dell’inizio di un crollo di diversi mesi dai massimi storici del Dow Jones. È stato attivo anche tre mesi prima del crollo del mercato tra l’autunno 2008 e la primavera 2009, che ha causato la perdita del 47,3% del valore del mercato azionario.

Le frecce rosse indicano le date degli Hinderburg Omen confermati più importanti degli ultimi decenni
Le frecce rosse indicano le date degli Hinderburg Omen confermati più importanti degli ultimi decenni

La statistica dell’Hindenburg Omen

Qual è l’impatto per i trader e gli investitori quando si verifica un Hindenburg Omen confermato? È cruciale comprendere questo concetto. Un Hindenburg Omen confermato non è una garanzia di un crollo del mercato azionario. Storicamente, la probabilità di un crollo è stata del 22,6% dal 1985, e del 30,3% se si sono verificate più di cinque osservazioni di Hindenburg Omen. Questo significa che le probabilità di evitare un crollo sono piuttosto alte, pari al 78,4% (o al 69,7% se si sono verificate più di cinque osservazioni di Hindenburg Omen).

Tuttavia, considerando l’impatto di un crollo del mercato azionario sulla situazione economica, si potrebbe valutare la situazione in modo diverso. Ad esempio, se un medico vi informasse che un intervento chirurgico ha il 22,6% di probabilità di esito fatale (o il 30,3% se ci sono più di cinque Hindenburg Omen), sarebbe una probabilità significativa, che probabilmente non vorreste rischiare a meno che l’intervento non sia assolutamente necessario.

Una probabilità del 22,6% (o del 30,3% con più di cinque Hindenburg Omen) di un crollo del mercato azionario è notevolmente alta, soprattutto considerando che negli ultimi trentasei anni sono avvenuti solo undici casi. Le probabilità normali di un crollo in un giorno qualsiasi sono solo dello 0,1%.

L’Hinderbug Omen in corso

Alla chiusura del 5 febbraio si è formato un Hindenburg Omen. Da questa data, quindi, si è aperta la finestra di 36 giorni all’interno della quale potrebbe concretizzarsi la conferma del segnale. In questo caso i mercati azionari potrebbero essere a forte rischio discesa.

Impostazioni privacy