Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Per chi pianifica investimenti di lungo periodo l’India potrebbe essere un’ottima scelta

Per chi pianifica investimenti di lungo periodo, il mercato azionario dell’India potrebbe essere un’ottima opportunità. A supportare questa affermazione ci sono sia la storia che le previsioni di una delle maggiori case di affari a livello mondiale.

Uno dei Paesi che ha registrato il maggior numero di azioni con performance superiori al 1.000%

L’India ha dimostrato di essere una potenza economica emergente con 91 azioni che  tra il 2012 e il 2022 hanno guadagnato oltre il 1.000%. Questa performance evidenzia non solo la crescita del PIL, ma anche le strategie aziendali adottate.

Settori chiave come beni di consumo e beni di prima necessità rappresentano il 38% del panorama economico, con aziende come Britannia Industries e Minda Industries in primo piano. La diversificazione internazionale e l’innovazione sono stati elementi chiave per il successo di aziende come Tata Consultancy Services nel settore IT. L’India ha sfruttato la crescita del settore industriale e dei materiali di base, generando multinazionali competitive globalmente. Nonostante valutazioni elevate, le opportunità di investimento persistono poiché molte aziende cercano di espandersi oltre i confini nazionali, diversificando le loro fonti di reddito. È cruciale per gli investitori considerare il potenziale di crescita a lungo termine delle aziende indiane oltre al valore nominale delle azioni.

L’analisi di Morgan Stanley Investment Management

Morgan Stanley Investment Management, attraverso un’analisi condotta da vari esperti, sottolinea i punti di forza dell’India per gli investimenti azionari, prevedendo un’ulteriore accelerazione della crescita nei prossimi dieci anni e l’emergere di nuove opportunità.

Si prevede un aumento del PIL pro capite da 2.400 a oltre 3.800 dollari entro il 2032. L’analisi compara l’India con gli Stati Uniti degli anni ’80, evidenziando similitudini nei driver della crescita come il sistema regolatorio, i consumi e la predominanza del settore privato. L’India sembra seguire una traiettoria simile a quella degli USA, con un potenziale di crescita molto interessante per i prossimi 10 anni.

L’attrattività dell’azionario indiano nel lungo termine è aumentata grazie alla crescente quota di risparmi investita in azioni dalle famiglie. A livello domestico, il risparmio gestito ha raggiunto circa 350 miliardi di dollari con un aumento di 10 volte dal 2014, mentre i piani di investimento individuali mostrano flussi significativi. Settori come il lusso, i viaggi, la ristorazione e la sanità sono identificati come aree di opportunità grazie all’aumento della spesa per consumi in una popolazione giovane e urbanizzata.

Nonostante i mercati finanziari indiani abbiano prodotto forti ritorni, molti investitori non hanno sfruttato appieno le opportunità. Si prevede che l’accelerazione della crescita economica e dei redditi delle famiglie offrirà nuove opportunità di investimento attraenti per le aziende ben gestite.

Come si è comportato il Nifty50 rispetto all’S&P500?

Incominciamo col dire che il Nifty50 è un indice del mercato azionario indiano di riferimento che rappresenta la media ponderata di 50 delle più grandi società indiane quotate alla Borsa Nazionale.

Nei grafici seguenti è mostrato l’andamento del Nifty50 confrontato con quello dell’S&P500 per tutto lo storico a disposizione (dal 1996 in poi) e a partire dal minimo del 2020 post pandemia.

Notiamo come in entrambi i casi il mercato indiano abbia fatto meglio  di gran lunga quello americano.

Andamento dell'indice Nifty50 dal 1996 a oggi confrontato con quello del S&P500
Andamento dell’indice Nifty50 dal 1996 a oggi confrontato con quello del S&P500

 

Andamento dell'indice Nifty50 dal minimo post pandemia a oggi confrontato con quello del S&P500
Andamento dell’indice Nifty50 dal minimo post pandemia a oggi confrontato con quello del S&P500

 

Impostazioni privacy