Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Mutui o finanziamenti, ecco il Bonus da 1.000 euro per chi ha aperto una linea di credito

Una nuova misura con un nuovo Bonus è appena stata avviata. Si tratta di un Bonus destinato a copertura parziale delle spese sostenute da soggetti che hanno sottoscritto un contratto di mutuo o un contratto di finanziamento.

La misura è stata introdotta dalla Cassa Dottori Commercialisti ed eroga un beneficio fino a massimo 1.000 euro. Ma di cosa si tratta e come funziona l’agevolazione le cui domande sono partite lo scorso 4 aprile?

Mutui o finanziamenti, ecco il Bonus da 1.000 euro per chi ha aperto una linea di credito

Grazie ad una iniziativa della Cassa Dottori Commercialisti, su mutui o finanziamenti, ecco il Bonus da 1.000 euro. Infatti è possibile ottenere una agevolazione a compensazione delle spese per mutui o finanziamenti, sostenute nel 2023. La misura riguarda tutti gli iscritti alla Cassa Dottori Commercialisti ed ha una dotazione totale di 1,5 milioni di euro. Basta che l’interessato nel corso del 2023 (contratti sottoscritti dal 1° gennaio al 31 dicembre dello scorso anno), abbia contratto un mutuo o un finanziamento. E non per forza per l’attività professionale, perché possono rientrare nelle agevolazioni anche operazioni che riguardano la sfera personale e familiare dell’interessato. Il contributo è a copertura totale degli interessi pagati nel 2023 sulle operazioni di finanziamento, fino al tetto massimo di 1.000 euro.

Ecco i requisiti da rispettare

La domanda può essere presentata da tutti i Dottori Commercialisti iscritti alla relativa Cassa professionale entro il 31 dicembre 2024. Non potranno fare domanda i professionisti che percepiscono un trattamento dalla Cassa Dottori Commercialisti, a meno che non sia un trattamento di invalidità per professionisti ancora in attività. naturalmente per ottenere il Bonus bisogna rispettare alcuni parametri reddituali. La dichiarazione dei redditi di riferimento è quella ultima completata, cioè quella 2023 con anno di imposta 2022.

Il reddito imponibile da non superare va da 41.400 euro per un singolo, a 53.750 euro per un nucleo familiare con due componenti, a 62.100 euro per un nucleo familiare con tre componenti e così via a salire fino a 78.800 euro per famiglie davvero numerose (7 o più componenti).

Impostazioni privacy