Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

600 euro al mese per tutti col nuovo imperdibile bonus bebè: non è necessario nemmeno l’ISEE

Adesso con il nuovo bonus bebé tutte le mamme potranno ottenere 600 euro al mese. Non ci sarà bisogno nemmeno dell’ISEE: cosa bisogna sapere.

Tutti sono a conoscenza del nuovissimo Bonus Bebè. Stiamo parlando di un assegno d’importo fino ai 160 euro al mese. QUesto non viene riconosciuto dall’introduzione dell’Assegno Unico, nonostante questo ci sono alcune regioni che continuano a dare dei sostegni che sono indirizzati unicamente alla famiglia. Infatti da Nord a Sud sono diverse le regioni che arrivano ad erogare anche fino a 5mila euro.

Bonus bebè 600 euro mese per tutti senza ISEE
Tutti potranno avere accesso ai 600 euro del bonus bebè Sulmonaoggi.it

Inoltre alcuni comuni hanno deciso di riconoscere dei bonus erogati anche per i figli nati nel 2024. Tra queste la più virtuosa è sicuramente la regione Sardegna. Infatti la grande isola ha stabilito anche una somma complessiva di 2.883.560,34 euro per erogare il contributo in favore di un maggior numero di famiglie. Adesso è possibile scoprire tutti i dettagli riguardanti gli ultimi bonus bebè.

Bonus bebè, quello della regione Sardegna offre fino a 600 euro: cosa bisogna sapere

Il Bonus Bebè offerto dalla Regione Sardegna è un’iniziativa mirata a sostenere le famiglie residenti o che decidono di trasferirsi nei piccoli Comuni dell’Isola, al fine di contrastare il fenomeno dello spopolamento e promuovere la natalità. Questo bonus, che ha l’obiettivo di essere allettante per le famiglie, è parte di un più ampio sforzo per contrastare il declino demografico che la Sardegna sta affrontando, come dimostrano gli ultimi dati che rivelano un tasso di natalità inferiore alla media nazionale.

Bonus bebè 600 euro mese per tutti senza ISEE
Quali comuni erogano il nuovo bonus bebè Sulmonaoggi.it

Inizialmente rivolto ai Comuni con meno di 3.000 abitanti. Adesso il Bonus Bebè è stato esteso anche a quelli con una popolazione compresa tra 3.000 e 5.000 abitanti. Questa estensione è stata resa possibile grazie a una legge regionale recentemente approvata che ha stanziato ulteriori fondi per sostenere le famiglie residenti in questi territori. A differenza di altri sostegni nazionali, il Bonus Bebè della Regione Sardegna non è legato al reddito della famiglia e non richiede il possesso di un ISEE.

Possono richiederlo tutte le famiglie residenti in un Comune con meno di 5.000 abitanti, nonché coloro che vi trasferiscono la residenza, per ogni figlio nato, adottato o in affido preadottivo nel corso del 2024. È importante notare che per poter beneficiare del bonus, è necessario essere proprietari dell’immobile in cui si risiede o comunque averne disponibilità tramite un contratto di locazione o altro titolo equivalente. È inoltre richiesto di dimorare nell’immobile per tutto il periodo di percezione del contributo.

L’importo del Bonus Bebè offerto dalla Regione Sardegna è notevolmente più elevato rispetto a quello nazionale. Stiamo parlando di un contributo mensile di 600 euro per il primo figlio. Mentre saranno 400 euro per ogni figlio successivo. Il bonus viene erogato fino al compimento dei 5 anni del bambino, per un massimo di 60 mensilità. Si arriverà ad un totale di 36.000 euro per il primo figlio e 24.000 euro per quelli successivi. Per presentare richiesta basterà seguire la guida sul sito del Comune.

Impostazioni privacy