Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Non rispondere mai a questo messaggio su Whatsapp: è una truffa, così ti svuotano il conto

Nuove incredibili modalità di raggiro. Oggi il grande protagonista è diventato WhatsApp con i suoi messaggi truffa.

La logica specifica sembrava appartenere a un contesto, un fenomeno diverso, ma la verità è un’altra. Il mondo della truffa e del raggiro online è sempre vivo e più che mai presente nel quotidiano delle persone. Al centro di tutto la volontà, il bisogno, di approfittare del prossimo per provare o a spillargli denaro oppure a violare ogni tipo di informazione personale da utilizzare poi per truffe future. Nel primo caso, gli scenari potrebbero diventare più che mai drammatici. Le vittime negli ultimi tempi, infatti, sono davvero numerose. Tutte alle prese con veri e propri furti di denaro..

Nuova truffa
Da WhatsApp al conto corrente – sulmonaoggi.it

L’allarme nel corso delle ultime settimane è diventato più che mai diffuso, con una specifica truffa che circola nel contesto della messaggistica istantanea. Protagonista, di conseguenza, è l’app per eccellenza di messaggistica istantanea: WhatsApp. In questo caso parliamo di una tipologia di raggiro molto fine e più che mai, come da tradizione insomma, subdola. I rischi sono davvero enormi, numerosi infatti i clienti che si sono ritrovati con il conto corrente letteralmente svuotato.

Non rispondere mai a questo messaggio su Whatsapp: è una truffa, come funziona il raggiro

In passato, ma del resto ancora oggi, il tutto si svolgeva intorno alla presenza di un contenuto testuale. Un sms, una mail o un messaggio social per l’appunto. Il tono più che mai accattivante per provare a convincere la potenziale truffa del vantaggio che si sta per ottenere o al contrario della situazione più che mai rischiosa alle porte. In ogni caso parliamo di situazioni che emotivamente spingono l’utente a effettuare ogni operazione richiesta da parte di chi scrive.

Modalità di approccio
Prima il messaggio, poi il raggiro – sulmonaoggi.it

Nel caso specifico l’approccio alla vittima è più che mi amichevole. Non per forza un contatto presente in rubrica, per intenderci, ma in ogni caso qualcuno che approccia alla vittima di turno e con toni più che mai amichevoli spinge affinché la stessa, installi una specifica app capace di produrre guadagni davvero incredibili nel giro di pochissimi  giorni. Può sembrare effettivamente blanda, come struttura stessa, ma la truffa, al contrario è davvero molto efficace.

A quel punto l’app stessa installata metterà in libertà uno specifico malware che in pochissimo tempo andrà ad attaccare il sistema del dispositivo in questione. Un virus che provvederà a rubare ogni password, ogni pin segreto, tutto ciò che l’utente i questiona possa in qualche modo custodire sul proprio smartphone. I rischi eventuali, potrebbero essere davvero enormi.

Impostazioni privacy