Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Quali sono le azioni italiane più sottovalutate secondo il rapporto prezzo su utili?

Uno dei parametri più utilizzati dagli investitori per identificare le azioni più sottovalutate è il rapporto prezzo su utili. Andiamo, quindi, a vedere quali sono le azioni italiane più sottovalutate secondo questo parametro?

I punti di forza e di debolezza del rapporto prezzo su utili

Il rapporto Price/Earnings (P/E), noto anche come Prezzo/Utile per Azione, rappresenta la relazione tra la quotazione di un’azione sul mercato e gli utili per azione di una società. Esso può essere calcolato sia come rapporto tra il prezzo di mercato e gli utili per azione, sia come rapporto tra la capitalizzazione di borsa e gli utili conseguiti. Questo indicatore è ampiamente utilizzato perché fornisce un’indicazione di quante volte il prezzo dell’azione incorpora gli utili attesi, riflettendo le aspettative degli investitori sulla crescita della società.

Un P/E più elevato suggerisce che il mercato è disposto a pagare di più per gli utili, indicando la fiducia nella capacità della società di incrementarli ulteriormente. Tuttavia, il P/E ha alcune limitazioni, come lo sfasamento temporale tra utile e prezzo e l’influenza delle politiche gestionali e contabili sul calcolo degli utili.

Esistono due tipi principali di P/E: il “trailing P/E,” basato sugli utili effettivi riportati nell’ultimo bilancio, e il “forward P/E” o P/E anticipato, che considera gli utili attesi stimati dagli analisti per il prossimo anno.

Tipicamente si considera il valore 10x di P/E come lo spartiacque tra sopravvalutazione e sottovalutazione.

Le azioni più sottovalutate secondo il P/E

Per questo calcolo abbiamo considerato solo le azioni con capitalizzazione superiore al miliardo di euro e il trailing P/E.

Sotto queste ipotesi le azioni più sottovalutate sono quelle Stellantis con un P/E pari a 3,11x alla chiusura del 30 gennaio. A seguire, poi, ci sono BPER Banca, Tenaris, Intesa Sanpaolo e Unipol, tutte con P/E inferiore a 8x.

Le raccomandazioni degli analisti

Per Stellanti il prezzo obiettivo medio a un anno degli analisti esprime una sottovalutazione di circa il 20%, mentre la raccomandazione media è Compra. Le cose vanno un po’ meglio per BPER Banca e Tenaris (vedi grafico per l’informativa completa) per le quali il prezzo obiettivo medio a un anno degli analisti esprime una sottovalutazione di circa il 35% e 28%, rispettivamente. Anche per Intesa Sanpaolo la sottovalutazione è di circa il 20%, mentre per Unipol è pari a circa il 13%.

Prezzo obiettivo medio a un anno e raccomandazione media per il titolo Tenaris
Prezzo obiettivo medio a un anno e raccomandazione media per il titolo Tenaris-Fonte it.tradingview.com

Lettura consigliata 

Tra le azioni top performer del 2023 quali sono ancora sottovalutate?

Impostazioni privacy