PIATTAFORMA ECOLOGICA COGESA CHIUSA DA UN ANNO, TIRABASSI INTERROGA IL SINDACO

“Nel mese di giugno 2020 veniva sequestrata dai carabinieri del Noe la piattaforma ecologica di Cogesa spa. Fra qualche giorno ricorre il primo anno dalla chiusura di un servizio fondamentale per il conferimento diretto, da parte
dei cittadini, di varie tipologie di rifiuti, anche pericolosi”. Ad affermarlo il capogruppo di Fratelli d’Italia Mauro Tirabassi che questa mattina ha protocollato un’interrogazione al sindaco Annamaria Casini e all’amministrazione comunale. “La mancanza delle autorizzazioni necessarie – prosegue – ha determinato un stop del servizio con inevitabili disagi per i cittadini costretti, in alcuni casi, a rivolgersi a soggetti privati con inevitabile aggravio dei costi di smaltimento. Non solo, ma la mancanza di una valvola di sfogo come questa sta determinando anche il proliferare sul territorio di una serie di microdiscariche che dovranno poi essere bonificate dal comune con costi che graveranno sulla tasca dei cittadini contribuenti”. Tirabassi chiede di avere una risposta chiara circa le motivazioni che stanno ancora determinando questa situazione a distanza di un anno e una tempistica certa per quanto riguarda la riattivazione del servizio di conferimento. “Sembra infatti – conclude – che la piattaforma non sia più sotto sequestro ma che la mancanza delle necessarie autorizzazioni non consenta, di fatto, una ripresa delle attività”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *