SULMONESE PRECIPITATA DAL BALCONE, I PARTICOLARI PRIMA DELLA MORTE

“Abbiamo sentito un tonfo ed è stato tutto in un attimo”. Così alcuni vicini di casa della sulmonese Federica Basile, di 31 anni, morta dopo essere precipitata dal sesto e non dal quinto piano della sua abitazione nel quartiere di Roma, Furio Camillo, in una traversa di via Veturia. L’episodio è accaduto alle 19 circa di domenica scorsa. Incredulità da parte di chi ha assistito alla tragedia. La caduta si e’ conclusa su un’auto parcheggiata sulla strada sottostante. E’ rimasta riversa a terra per circa quattro ore fino a quando il cadavere è stato portato via. L’autopsia ha confermato che la morte è sopraggiunta a seguito dei traumi riportati nella caduta. “Era una ragazza tranquilla e la vedevo alcune volte fumare sul balcone”. Racconta un residente. Emerge un particolare riferito a diverse ore prima del decesso: la mattina sarebbe rimasta chiusa fuori il balcone e per aprirlo avrebbe dato un calcio riportando ferite. Dopo aver chiamato l’ambulanza per farsi medicare avrebbe rifiutato di andare in ospedale. Questo è quanto sarebbe accaduto circa dieci ore prima della tragedia che ha sconvolto tutti. Federica Basile si trovava a Roma per motivi di studio ed era molto conosciuta a Sulmona. La sua famiglia gestisce in città un noto caseificio. Subito dopo l’autopsia la salma della 31enne è stata riconsegnata ai familiari per la celebrazione dei funerali che saranno svolti a cura della Confraternita di Santa Maria di Loreto.

3.347 letture

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com