“CRAZY FOR FOOTBALL”, FILM ISPIRATO AL PROGETTO DEL SULMONESE DI TOMMASO

Grande successo su Rai 1 ieri in prima serata per “Crazy for football – Matti per il calcio”, il film diretto da Volfango De Biasi con Sergio Castellitto che narra la storia vera di Santo Rullo, lo psichiatra artefice della nazionale italiana di calcio a 5 per persone affette da patologie psichiche. Il film è ispirato al progetto gestito dal sulmonese Valerio Di Tommaso che ha svolto il ruolo di coordinatore della squadra per reclutare in tutta Italia pazienti con problemi di salute mentale.

Si tratta di una rosa formata da 25 giocatori provenienti dai centri di salute mentale dislocati sul territorio nazionale ed ogni due anni la squadra prende parte alla Dream World Cup, vinta dall’Italia nell’edizione del 2018 organizzata a Roma da Valerio Di Tommaso.

Un’iniziativa importante che ha, dunque, coinvolto anche la città di Sulmona perché oltre a Di Tommaso c’è stata la partecipazione straordinaria del presidente della Figc, Gabriele Gravina, che, in qualità di attore, entra due volte in scena nel film per la consegna delle maglie ufficiali della nazionale e della Coppa.

Insieme a Sergio Castellitto, tra i protagonisti c’è Max Tortora. Castellitto interpreta Saverio Lulli, uno psichiatra cinquantenne che decide di coinvolgere i suoi pazienti nella creazione della prima nazionale di calcio che concorre ai mondiali. Aiutato dalla figlia Alba (Angela Fontana), dell’ex moglie Giovanna (Cecilia Dazzi) e di Vittorio Zaccardi (interpretato da Max Tortora), ex calciatore che diventerà l’allenatore della squadra, Lulli si ritroverà a scontrarsi con Luca De Metris (Massimo Ghini), collega psichiatra che osteggerà il progetto dicendosi convinto che un tale impegno non potrà far altro che accrescere lo stress nei pazienti. Nonostante ciò il progetto ottiene il sostegno della Figc, senza che ciò basti a sostenere in toto i costi dell’operazione. Per questo Lulli deciderà di ipotecare la sua casa pur di raggiungere l’obiettivo.

Per tutti i protagonisti è stato un lavoro molto impegnativo. “Un lavoro per trasmettere l’importanza dello sport non solo come strumento di socialità ma anche come terapia”. Sottolinea il sulmonese Di Tommaso che si dichiara soddisfatto per gli ottimi consensi ottenuti dalla critica e dal pubblico per il film-documentario che, ieri sera, ha fatto registrare un buon numero di ascolti.

Guarda il trailer di “Crazy for football”

 

 

550 letture

Un Commento su ““CRAZY FOR FOOTBALL”, FILM ISPIRATO AL PROGETTO DEL SULMONESE DI TOMMASO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com